È un corridore siciliano, siracusano di Avola per la precisione, a rompere il digiuno italiano al Trofeo Piva di Col San Martino.

Una lacuna che risaliva al 2013 e che oggi, domenica di Pasqua, è stata colmata dalla splendida vittoria di Paolo Baccio del team Mastromarco Sensi, classe 1997 e già campione italiano a cronometro, capace di arrivare a braccia alzate al traguardo precedendo di un nonnula il gruppo grazie a un gran colpo da "finisseur".

A regolare il plotone, alle spalle di Baccio, l'australiano Robert Stannard della Mitcelton-Bike Excange e il britannico Jake Stewart della nazionale della Gran Bretagna, dopo 160 chilometri di gara. Ad aggiudicarsi il gran premio della montagna di Guia, invece, il bresciano Christian Scaroni della Petroli Firenze Hopplà.

Una corsa chiusa, senza grande "bagarre", tanto perchè prima di 3 giorni di gare internazionali (dopo il Trofeo Piva di oggi, le gare di Villa di Villa a Cordignano domani e il Palio del Recioto a Negrar martedì), quanto per la riduzione di circa 30 chilometri causata da una caduta nei pressi di Ciano del Montello che ha costretto la giuria ha neutralizzare la competizione prima e a bloccarla poi per qualche minuto.

Calma piatta, quindi, fino alla penultima tornata del circuito finale ripetuto per 10 volte dopo il passaggio sul Montello nel ricordo del Centenario della fine della Grande Guerra.

A 25 chilometri dall'arrivo, infatti, i primi allunghi in testa al gruppo con 5 uomini al comando tallonati da un gruppo allungatissimo, prima dell'attacco di Stannard sullo strappo di Guia e la formazione di un plotoncino di 12 corridori evasi lungo la picchiata verso il Follo.

Fino al suono della campanella per l'ultima tornata, quando le carte si rimescolano e ad eccezione di qualche timido tentativo, il plotone procede compatto e a tutta. È nell'ultima discesa che però allungano in due, Baccio e il tedesco Georg Zimmermann, capaci di guadagnare fino a 10 secondi prima della progressione del siciliano in grado di resistere al ritorno del gruppo.



"È stata una giornata bellissima per noi della Mastromarco - ha dichiarato Baccio dopo il traguardo - finalizzata nel migliore dei modi. Sulla carta la gara poteva sembrare più facile rispetto allo scorso anno, ma devo dire che alla fine è risultata veramente dura. Sono soddisfatto perchè siamo riusciti a evitare l'attesa volata di gruppo grazie all'azione mia e di Zimmermann per giocarci tutto negli ultimi metri".

"Questa vittoria è per la squadra e gli sponsor - ha concluso il giovane corridore siciliano - oltre che per i miei compagni che hanno dato l'anima per aiutarmi è anche per la mia famiglia, la mia ragazza e per tutti quelli che credono in me".

Ordine d'arrivo: 1. Baccio Paolo (Mastromarco Sensi) km 160 in 03:49:27, media 41,839; 2. Stannard Robert (Mitcelton); 3. Stewart Jake (Great Britain); 4. Donegà Matteo (CtFriuli); 5. Oldani Stefano (Colpack); 6. Leonardi Giovanni (Zalf); 7. Nesi Nicolas (Gs Maltinti); 8. Bevilacqua Mattia (Petroli Firenze); 9. Colnaghi Andrea (Pala Fenice); 10. Corradini Michele (Mastromarco Sensi).

(Fonte: Gianluca Renosto © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

https://www.youtube.com/watch?v=Os8C2ddGU2o&feature=youtu.be

 

 

https://www.youtube.com/watch?v=SOoT3LfEC10

https://www.facebook.com/SportCityFotoBolgan/photos/a.1886222181397427.1073742661.282502875102707/1886231864729792/?type=3